lunedì, giugno 15, 2015

La Gacilly, il festival di foto che sposa la natura

mostra in città
A La Gacilly le foto invadono la città


La Bretagna è una terra dove la natura si sposa bene con i tanti festival e le iniziative culturali che vengono organizzati.

E' il caso del Festival di Fotografia che, dal 5 giugno al 30 settembre, si tiene a La Gacilly.
L'evento interagisce con l'ambiente circostante e il paesaggio producendo un forte impatto emotivo che non può non colpire il visitatore che si trova centinaia di fotografie di artisti famosi, alcune anche di grandi dimensioni, esposte all'aperto, sulle facciate dei palazzi o in mezzo alla natura tra gli alberi.
 
festival di fotografia
Sulle strade della Bretagna...

Un'esperienza davvero unica che quest'anno rende particolarmente orgogliosa anche l'Italia con la presenza di ben 9 nostri artisti che hanno partecipato al Festival, fondato dal Jacques Rocher e giunto quest'anno all'undicesima edizione con il tema “Il pianeta”.


piatto unico a pranzo
Pausa pranzo a Le Vegètarium cafè
Il giorno dell'inaugurazione erano presenti Mirella Ricciardi (Nairobi 1931) e Alessandro Grassani (Pavia 1977). 

Mirella Ricciardi


Al Vegetarium Cafè ho pranzato vicino a Mirella, bella signora di 84 anni e sua figlia Amina che si occupa di gestire l'archivio fotografico. Di fronte ad un piatto unico e colorato di verdure, bruschetta e prosciutto, ho potuto conoscere così la storia dell'artista che mi ha aiutato ad apprezzare e capire poi meglio le sue opere fotografiche. 

Mirella Ricciardi, papà napoletano e mamma parigina, ora vive a Londra ma è vissuta tanto in Africa e 4 anni anche a Roma.

Foto d'epoca della fotografa Mirella Ricciardi al lavoro
 Fotografa sia a colori che in bianco e nero a seconda dei soggetti: l'Africa ad esempio si presta di più al bianco e nero. 
Alcuni degli scatti di Mirella Ricciardi in mostra
Oltre ai racconti del suo amore, Lorenzo, un italiano che l'ha subito conquistata presentandosi a lei come “il magnifico”, mi parla anche della sua passione per i fiori che ama collezionare e ritrarre e confessa che, se non avesse fatto la fotografa, le sarebbe piaciuto fare la fiorista. 

Alessandro Grassani  

 

Alessandro Grassani si è invece dedicato allo studio dei paesi colpiti dai cambiamenti

Alessandro Grassani
Intervista ad Alessandro Grassani

climatici e delle popolazioni costrette a migrare dalla campagna alla città. 

Nei suoi scatti tante foto toccanti del Bangladesh per documentare una realtà che non ci sarà più. 

Il percorso dell'esposizione fotografica è in mezzo alla natura, tra alberi e vegetazione dove si incontra persino un sentiero della libellula.

 Un'esperienza davvero bella da vivere per i colori e l'impatto emotivo delle foto che si integrano con il paesaggio e diventano tutt'uno. 

Alcuni scatti di Alessandro Grassani in mostra
Come quando tra gli alberi salta fuori un lupo e la foto diventa particolarmente realistica.


Grenier e Yves Rocher  

 

Il nostro percorso prosegue con una visita del Grenier per scoprire come è nata la marca Yves Rocher e per ammirare ancora tante foto questa volta collocate su molte facciate delle case e che ritraggono famiglie a tavola in giro per il mondo. Visitiamo anche l'abitazione (Rue Saint Vincent, 2) e il negozio di tessuti e cappelli della famiglia di Yves Rocher. 

Morto a 79 anni, la sua è stata una carriera “prodigio” perché a soli 14 anni si è occupato del commercio di famiglia per decidere poi di inseguire la sua passione per le piante medicinali e le radici. Nella casa c'è ancora il suo laboratorio dove ha iniziato a costruire il suo impero, con pochi fidati amici, sperimentando la ricetta di una crema per guarire le ferite che una cliente del suo negozio gli aveva fatto provare.

 Punto vendita Yves Rocher

A Gacilly è presente un bel punto vendita di prodotti di Yves Rocher, vicino il Vegetarium Cafè, dove i suoi smalti per unghie danno una pennellata di colore in più al paesaggio.

Testo e foto di Claudia Lovisetto
Posta un commento

LinkWithin

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...