domenica, marzo 15, 2015

Zoo di Parigi, nuovo e moderno

i buffi animaletti del Madagascar
Maki Catta
Tempo fa vi ho parlato di cosa fare a Parigi con i bambini. Post che oggi va integrato con una nuova meta: il parco zoologico di Parigi che ha recentemente riaperto al pubblico dopo 80 anni.

Uno spazio che si presenta totalmente ristrutturato pensato per proporre gli animali all'interno del loro ambiente seppur in cattività.


Vi dico subito che io non l'ho ancora visitato, ma sono molto curiosa. L'ho scoperto poche settimane fa in occasione del media tour promosso dalla Francia per far conoscere le novità 2015. 
zoo di parigi
Visione generale


Mi è bastato vedere le fotografie e il video presentato per capire come effettivamente questo parco zoologico è molto diverso da tutti quelli che ho visitato fino ad ora. 

Intanto niente sbarre, ma una parete di plexiglas che divide gli animali dai visitatori. 

Un sistema che elimina o meglio avvicina uomo e animale consentendo anche visioni subacquee per quanto riguarda gli animali marini

La suddivisione dello spazio invece ciò che invece su grandi ambienti e sotto ambienti: 
  • l'Europa (foresta di conifere; gariga; palude; montagna fredda)
  • la Guyana (foresta equatoriale; calanca; ambiente fluviale)

tante piante nella serra dello zoo
La grande serra
  • il Madagascar (foresta umida; foresta fredda)
  • il Sahel Sudan (savana arborea; savana arbusiva; savana rasa; delta)
  • la Patagonia (Pampa argentina; coste rocciose; foresta andina)
Leone
Non poteva mancare il re dellaforesta

Ognuno di questi ambienti è a sua volta suddiviso in micro ambienti, da 2 a 4.

Tanto per fare qualche numero, nel parco sono presenti:
  • 800 diverse specie vegetali  
  • 2258 alberi piantati 
  • 74 specie di uccelli 
  • 42 specie di mammiferi 
  • 21 specie di rettili 
  • 17 specie di anfibi
  • circa 1000 animali

Coloratissimo tucano
Tucano delle forete tropicali
Prima della sua apertura al pubblico il parco ha subito tre anni di intensi lavori che hanno consentito di realizzare un percorso di visita interamente rivisitato e pensato soprattutto in funzione del benessere degli animali, particolare importante perché rispecchia lo spirito di uno zoo del XXI secolo. 

Un luogo che non è più soltanto uno strumento di attrazione ma più che altro un luogo dove si lavora per la conservazione delle specie - anche a rischio di estinzione - e di sensibilizzazione alla natura.

Un parco davvero per tutti, va infatti sottolineata l'attenzione che per garantire un'accessibilità totale a tutte le persone affette da disabilità motorie (anche con la possibilità di usufruire di sedie a rotelle), uditive, visive e mentali

Alcune informazioni utili:
Il parco zoologico è aperto tutto l'anno con il seguente orario:
  • da metà ottobre a metà marzo: dalle 10 alle 17
  • da metà marzo a metà ottobre:  dalle 10 alle 18 (weekend, festivi e vacanze scolastiche dalle 9,30 alle 19,30)
Le giraffe dello zoo di parigi
Le elegantissime giraffe
Accesso
incrocio tra Avenue Daumensnil e Route de Ceinture du lac Daumensnil 

Metropolitana:
  • linea 1 Chateau de Vincennes
  • linea 8 Porte Dorèe
Posta un commento

LinkWithin

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...