giovedì, marzo 28, 2013

Viaggio in Islanda, la laguna Jökulsárlón

20 agosto 201 
Eccomi a Jokulsarlon
Una delle esperienze più affascinanti di tutto il viaggio in Islanda è stata la
giornnata trascorsa alla laguna Jokulsarlon

So che non ne ho parlato tra le dieci cose da fare in Islanda, ma in un certo senso rientra nel discorso ghiacciaio.


Nonostante il tempo non certo favorevole, appena arrivati siamo stati travolti dal fascino del posto.
A tu per tu con gli iceberg
Jokulsarlon è la laguna dove dalla lingua del vicino ghiacciaio Vatnajökull si staccano gli iceberg che poi, galleggiando, raggiungono il mare aperto.
Il canale di collegamento con il mare
Anche se molto turistica, vi consiglio vivamente un giro in mezzo anfibio nella laguna per vedere gli iceberg da vicino. Da non perdere una sgambata sulla cima della collinetta che consente di ammirare una splendida visione d'insieme della laguna. 
La collinetta panoramica vista dalla laguna

A dire il vero gli iceberg sono visibili anche dalla riva, anzi appena arrivati abbiamo fatto l'errore di “perderci” lungo la spiaggia cercando di avvicinarci il più possibile alle grandi masse di ghiaccio galleggianti, prima sarebbe stato il caso di prenotre il giro guidato in laguna. 
Pronti a navigare tra i ghiacci con il mezzo anfibio
Dal momento in cui abbiamo prenotato a quello in cui è arrivato il nostro turno è trascorsa un 'ora e il tempo è peggiorato. Il giro nella laguna degli iceberg è stato comunque apprezzato da tutti e considerato da molti come una delle cose più belle del viaggio. 
I colori degli iceberg

Incredibile come queste masse di ghiaccio di tutte le dimensioni assumano tante colorazioni che vanno dal bianco all'azzurro, per non parlare poi del nero, quello delle ceneri vulcaniche di un'eruzione avvenuta secoli e secoli fa.


Certo che con il sole sarebbe stata tutta un'altra cosa, anche perché la luce esalta ancora di più i diversi colori. 
Ecco il passaggio di mano del celebre pezzo di ghiaccio

 Il colpo di scena, si fa per dire, di questa escursione in barca si ha quando il gommone di appoggio “pesca” un pezzo di ghiaccio vecchio di mille anni e lo consegna alla guida che, dopo le opportune spiegazioni, le riduce in frammenti e lo offre in assaggio ai passeggeri.
Il ghiaccio millenario

Per quello che mi riguarda io non avevo nessuna intenzione di assaggiarlo, con il rischio di ingerire batteri congelati ormai estinti. 

Il giro dura poco meno di un'ora e le partenze si susseguono una dopo l'altra, ma se si trovano dei gruppi c'è il rischio di dover aspettare un po' troppo. Quindi appena arrivate correte a fare i biglietti, avrete comunque tutto il tempo di esplorare la zona in attesa del vostro turno.

Complessivamente una bell'esperienza, ve la consiglio, anche se non è esattamente economica, noi approfittando di una tariffa scontata per gruppi abbiamo speso 22 euro a persona. Il giro sulla laguna significa anche fare il pieno di freddo, per riscaldarci dunque niente di meglio una pausa nell'unico bar del posto per una cioccolata calda, sicuramente tutt'altro che ottima, ma rigeneratrice.

Dopo esserci opportunamente riscaldati abbiamo raggiunto la spiaggia dove gli iceberg alla deriva finiscono dolcemente per arenarsi dando vita a piccole sculture di ghiaccio dalle forme astratte e curiose. Il posto ci è piaciuto così tanto che la mattina dopo, prima di ripartire, abbiamo fatto di nuovo una breve sosta. 
La spiaggia dove si arena il ghiaccio alla deriva
Il fascino di questa laguna non è sfuggito neppure al cinema che ha scelto questa location per una mozzafiato corsa in auto sul ghiaccio in 007 La morte può attendere.
La macchia scura è la testa di una foca, credeteci :-)

Qualche dato geografico non guasta. Il lago ha una prondità massima di 200 m ed è il secondo in Islanda per profondità, il primo è il lago Oskjuvatn sull'Askja. Questo poi è anche uno dei luoghi dove è possibile vedere nuotare le foche.

Posta un commento

LinkWithin

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...