martedì, dicembre 04, 2012

Avignone città del gusto

Avignone
© C.Rodde - Avignon Tourisme
Ad Avignone sapori di provenza nel piatto

Per tutti gli appassionati di cucina che vorrebbero anche mettere a frutto le proprie conoscenze di Francese l'idea potrebbe essere quella di combinare le due cose con un viaggio ad Avignone, considerata una delle città più stellate di Francia. Nella piatti della “Città dei Papi” tanti prodotti freschi e primizie di verdure.
Grandi protagoniste sono anche le erbe armatiche, dal timo al rosmarino, dalla santoraggia all'alloro, dal basilico all'origano, da cui si ricava un liquore, lo stesso che si utilizza per le papalines, il bonbon al cioccolato fondente, tipico di Avignone.

Mercato di Les Halles 
© C.Rodde - Avignon Tourisme
Per scoprire i prodotti tipici della Provenza il luogo perfetto è sicuramente il mercato coperto Les Halles, aperto tutti i giorni (escluso il lunedì) dalle 6 del mettino alle 13,30. Sabato, domenica e festivi orario prolungato fino alle 14, ma non in Agosto, che in questi giorni proprio non apre. Sono una quarantina di comercianti che qui espongono i loro prodotti in una tavolozza di colori e profumi. I giorni di grande animazione sono quelli del weekend anche perché il sabato si passa dalla teoria alla pratica, con le dimostrazioni pubbliche degli chef di Avignone che, non serve specificarlo, utilizzano i prodotti del mercato. L'appuntaento è alle 11 e visto che siamo a ridosso dell'ora di pranzo, a fine dimostrazione i piatti preparati si degustano con il pubblico.

Da non perdere la festa del tartufo, dell'olio d'oliva e del fino, che prende il via il prossimo 10 febbraio. 
Per l'occasione il mercato di Les Halles proporrà una serie di degustazioni e dimostrazioni a tema.

la Mirande-F.Olliver
Chi invece preferisce mettersi direttaente in gioco, Avignone propone dei corsi di cucina con grandi chef della Regione, come quello di Le Marmiton che, oltre alla presenza di chef famosi, vanta una location davvero unica: la storica cucina del palazzo delle Mirande, realizzato nel XIX e restaurata per il suo nuvo ruolo. Corsi che non possono che finire a tavola e, per non farsi mancare niente, i piatti vengono degustati accompagnati da vini selezionati dai sommerlier della casa.
I corsi si tengono per una settimana al mese e sono previste anche giornate a tema che vanno dal vino ai tartufi, fino al pranzo di Natale. Ai corsi, con un programma pensato tutto per loro, possono partecipare anche i bambini. (info: +33(0)490142020.

A Les Halles e a Cabestan si svolgono gli Atelier di cucina, per adulti e bambini, di JulienCharvet dove poter imparare a cucinare i prodotti che prima avrete scelto tra i banchi del mercato. Anche in questo caso tutto finisce a tavola con la degustazioni dei piatti realizzati. (info +33(0)625361240.

Epicurum© C.Rodde
Vi segnalo infine Epicurum, un vero e proprio museo vivente sulla frutta e verdura che contempla anche la possibilità di partecipare ad un laboratorio di cucina, Chi si accontenta della sola visita non rimarrà deluso. Quello che troverete è innanzitutto un'area verde di circa 8mila mq che tra orto, frutteto e serrà, vi offrirà la possibilità di una visita interattiva e sensoriale.
Posta un commento

LinkWithin

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...