giovedì, agosto 30, 2012

Gullfoss, la regina delle cascate

12 agosto 2012

Se c'è una cosa che non manca in un viaggio in Islanda sono le cascate.... piccole, grandi, imponenti, alte, basse... ognuna ha il suo fascino e la sua particolarità.

La prima che abbiamo incontrato, ad appena una decina di chilometri da Gaysir, è stata Gullfoss, una delle più visitate e note cascate dell'Isola, un po' per la potenza delle sue acque e un po' per la sua vicinanza dalla capitale  Reykjavik  (circa 120 km)


Il suo nome significa cascata dorata perché a farle da corona è sempre un arcobaleno... lo so che nelle foto che ho pubblicato non ci sono arcobaleni.... ma per averne uno ci vuole il sole, e noi abbiamo trovato pioggia, ma questo non ne ha offuscato il fascino. Rispetto ad altre cascate, qui è possibile avvicinarsi moltissimo al bordo, fino a sentirsi avvolgere dalla nebbiolina d'acqua che sale leggera

La particolarità di questa cascata è quella di fare un doppio salto. Il fiume Hvítá infatti dà origine ad una prima cascata di 11 metri e subito dopo, curvando di circa 45°, fa un nuovo balzo di 21 metri, gettando (in estate) qualcosa come 140 metri cubi d'acqua al secondo nella profonda gola, lunga 2,5 Km, che si apre al di sotto. 

Se oggi tanti turisti accorrono qui per ammirare la cascata dovrebbero ringraziare Sigríður Tómasdóttir una fanciulla che si oppose con tutte le sue forze ad una società inglese che, all'inizio del XX secolo, voleva comprare la cascata per alimentare una centrale idroelettrica. Sigríður caminò fino a   Reykjavik  per implorare le autorità affinché non autorizzassero il progetto ed era pronta anche a gettarsi nella cascata. Non sappiamo se poi lo avrebbe veramente fatto, ma alla fine la società inglese, pur avendo vinto la causa, scelse di non costruire la diga. 

A distanza di tanti anni Sigríður è ancora lì a vigilare sulla sua cascata, non più in carne ed ossa, ma dal monumento che ricorda il suo coraggio.

A Gullfoss c'è una cosa da non lasciarsi scappare.... un po' di shopping.

Non sto scherzando, il negozio di souvenir vicino al parcheggio è in assoluto il posto più economico... va be' diciamo meno caro, che abbiamo trovato in tutta l'Islanda. Provate a confrontare i prezzi con il negozio di Geysir e vedrete che il risparmio è circa del 10%. A proposito di shopping, non dimenticate di farvi dare la ricevuta per il tax free, al termine del viaggio vi rimborseranno una parte delle tasse!


ed ora una piccola lezione di Islandese

Foss significa cascata, quindi ogni volta troverete una località il cui nome termina con foss state certi che si tratta di una cascata. Le più celebri sono Gullfoss, Godafoss, Dettifos, Sellfoss, Svartifoss... e poi c'è anche una cascata che si cbiama semplicmente Foss
Posta un commento

LinkWithin

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...