lunedì, agosto 06, 2012

Città del Messico, sulle orme di Frida e Diego

Frida e Diego, non serve specificarlo sono Frida Khalo e Diego Rivera. I due artisti messicani sicuramente più famosi, uniti, anche se con alti e bassi, anche nella vita.


La prima tappa è sicuramente Cayoacàn, il quartiere dove Frida trascorse tutta la sua vita. Il luogo simbolo dell'artista è Casa Azul, oggi trasformata in museo.



La casa, oltre a numerose opere d'arte, è anche ricca di cimeli e oggetti di vita quotidiana che raccontano la tormentata storia d'amore con Diego Rivera.


La cosa che mi è piaciuta di più è stata la cucina dove traspare l'amore che nutrivano l'uno per l'altra. Visitare questa casa museo aiuta ad entrare in quello che erano le atmosfere in cui Frida crebbe e lavorò. A volere che questa casa diventasse un museo a lei dedicato fu il marito Diego Rivera. I due si conobbero alla Escuela Nacional Preparatoria, dove Frida studiava e Diego era intento a realizzare il primo di una serie di murales destinati ad edifici pubblici. Nonostante i circa vent'anni di differenza tra i due scoppiò un amore travolgente, anche se Diego non poteva certo essere definito un uomo fedele. Dei tanti tradimenti subiti, quello che le bruciò di più fu quello con la sorella.


Del suo grande amore per Frida, Diego si accorse troppo tardi, come affermò lui stesso il giorno della sua morte, definendolo "la parte più straordinaria" della sua vita.


Una parte straordinaria della sua vita è anche il ciclo di murales, primi fra tutti quelli del Palacio Nacional nei quali racconta la storia del Messico, vista attraverso la sua concezione. I murales ci parlano dei conflitti tra i nativi e i conquistadores,  della colonizzazione religiosa, della guerra d'Inquisizione... e ancora della guerra d'Indipendenza e della Rivoluzione Messicana, fino alla trasformazione della società messicana. Immagini a volte apparentemente semplici, ma ricche di simboli che è poco facile decodificare senza l'aiuto di una visita guidata.


L'ingresso è libero, ma è bene sapere che all'interno non è possibile portare zainetti, che possono essere lasciati nel guardaroba a pagamento, e che è assolutamente vietato introdurre bottiglie d'acqua, alimenti e ovviamente oggetti ritenuti pericolosi come coltellini.
Posta un commento

LinkWithin

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...