mercoledì, giugno 27, 2012

Viaggio nella Valle della Loira

Statua di Giovanna d'Arco a Orleans

Ci sono viaggi che a volte vengono a torto rinviati solo perché troppo vicini. Un grave errore nel quale sono caduta anche io... Era tanto che volevo visitare la Valle della Loira e finalmente mi sono decisa e ne sono veramente contenta.

Il mio viaggio è iniziato da Roma Fiumicino con un volo Easyjet per Parigi Orly, che poi è l'aeroporto più vicino alla città, quindi bastano pochi minuti di taxi per essere a Parigi. La voglia di fare un giro di shopping era altissima, ma questo è un altro viaggio e questa volta mi devo accontentare di vedere il profilo della Tour Eiffel solo da lontano. Questo è un viaggio da dedicare alla valle della Loira, ai suoi castelli, ai suoi giardini, alle sue città. In un viaggio di quattro giorni non si può vedere tutto, ma l'itinerario scelto è vario ed equilibrato, insomma un ottimo esempio da seguire per conoscere questo luogo Patrimonio Unesco includendo alcuni must come Chambord, ma anche mete a volte trascurate.

Se vi va seguitemi, sarò lieta di accompagnarvi nella valle della Loira.
Vi dirò anche dove e cosa ho mangiato e dove dormito... Non ho la pretesa di dirvi che sono stati nel miglior albergo o nel miglior ristorante, semplicemnte mi sono trovata bene e allora perché non condividerlo con voi?
Chambord

Un viaggio nella Valle della Loira sono soprattutto i castelli, ma non limitatevi a questo, i castelli non sono tutti uguali, questo è vero. Non possiamo quindi dire “visto un castello li hai visti tutti” ma un viaggio di soli castelli può risultare monotono. Il mio consiglio è quello di fare una selezione e aggiungere tappe che possano renderlo più vario. Se i castelli proprio vi fanno impazzire, bè è l'occasione per tornare una seconda o anche una terza volta.
Amboise, panorama
Vi ho promesso una pioggia di post e l'avrete. Questo è solo il primo, diciamo quello introduttivo o, se preferite, riassuntivo.

Il mio viaggio è inziato da con visita alla città di Orléans, famosa per Giovanna d'Arco, di cui quest'anno ricorre il 600esimo anniversario della nascita. 

Il giorno seguente, in sella ad una bici abbiamo raggiunto il Meung sur Loire, con visita al castello e ai giardini di Roquelin
Beauregard
 Lasciate a malincuore le biciclette, nel pomeriggio abbiamo raggiunto i castelli di Chambord (decisamente un must, anche se la sua fama ne fa una meta troppo turistica) e il vicino castello di Beauregard che nasconde due “chicche” le rovine di una chiesa antica, tappa lungo la via Francigena, e una galleria di ritratti unica nel suo genere.
Chaumont sur Loire

La mattina del terzo giorno è stata tutta per il castello di Chaumontsur Loire e i suoi giardini: una vera e propria galleria di opere d'arte a cielo aperto. Ultimo castello del nostro viaggio quello di Amboise, celebre soprattutto perché qui è sepolto un grande italiano: Leonardo da Vinci. Lasciato il castello ci siamo spostati a piedi a Clos Lucé, in quella che fu l'ultima residenza di Leonardo e nel parco a lui dedicato 

Il nostro viaggio iniziato con una città si è concluso con un'altra città, quella di Tours. Da qui ho ripreso il treno per Parigi, poi una breve passeggiata per mangiare qualcosa che non fosse un panino alla stazione... e poi vai, in taxi verso l'aeroporto.

Un'ultima cosa... le temperature da queste parti non sono come da noi. Qui fa più fresco, quindi per me è stata anche un'ottima scusa per sfuggire alla calura romana :-)

Se anche voi avete voglia di "fuggire" seguite i miei post sulla Valle della Loira, mi permetto però di segnalarvi anche altri due siti che sicuramente vi torneranno utili per personalizzare il vostro viaggio:
Posta un commento

LinkWithin

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...