martedì, giugno 12, 2012

Cuba, sulle tracce di Che Guevara


13 agosto 2010
L'Avana - Plaza de la Revolution
Il nostro viaggio cubano sulle tracce di Ernesto Guevara de la Serna, per tutti el Che, era iniziato a l'Avana, in Plaza del la Revolucion, dove campeggia il suo più celebre ritratto ed era proseguito sulla Sierra Maestra... ora non poteva che concludersi qui, a Santa Clara.

II nostro ultimo giorno a Cuba è stato dedicato a lui.



Prima tappa il monumeto al treno blindato che, il 29 dicemebre 1958, lo vide protagonista di un'azione rimasta nella storia dell'Isola: il deragliamento del treno blindato che trasportava armi.

La ruspa dell'attacco al treno blindato
 In un'azione durata circa un'ora e mezza, el Che e 18 rivoluzionari utilizzando una ruspa provocarono il deragliamento del treno e si impadronirono delle armi con le quali infersero un duro colpo alla dittatura di Batista. 



Il convoglio ora diventato un museo

Il convoglio e la ruspa sono ancora lì. Il treno ora è un museo e come tale ha un orario di visita (8-18) e un biglietto da pagare (1 Cuc).

Monumento a Che Guevara
Non si paga invece nulla per visitare il monumento a Che Guevara e il museo annesso. Questo infatti è il luogo in cui riposa dal 1997, quando le sue spoglie furono traslate dalla Bolivia a Cuba. 



Nel mausoleo sono sepolti anche i corpi di altri 38 guerriglieri. In occasione del ventennale della morte è stata invece inaugurata la statua colossale che campeggia sul mausoleo.


Tutto intorno cartelli propagandistici inneggianti al Che riportano alcune delle sue frasi più celebri, ma non è tutto... a  completare il quadro gli altoparlanti che lo ricordano in musica attraverso i versi della celebre canzone di Carlos Puebla che ricorda le gesta del Comandate Che Guevara:

"...qui se queda la clara la entranable transparencia de tu querida presencia   Comandante Che Guevara. Seguiremos adelante como junto a ti seguimos y con Fidel te decimos:Hasta siempre, Comandante!"




Al Che, come vi dicevo è dedicato anche un piccolo museo che raccogliere alcuni cimeli legati alla sua vita: la foto di lui bambino, il suo camice da medico, la sua pagella, la sedia della nonna, armi, documenti ed altre curiosità.

A Santa Clara è facile trovare magliette con l'effige del Che, ma sono decisamente troppo care, al punto da far desistere rapidamente tutti dall'acquisto.  
E con questo post e le magliette non comprate.... si conclude il racconto del mio viaggio a Cuba.


Posta un commento

LinkWithin

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...