giovedì, febbraio 17, 2011

Balene battono Giappone 1-0

Una notizia che, tra cronaca, politica e sport, forse non ha avuto il giusto spazio nei telegiornali italiani, eppure è, lasciatemolo dire, un fatto epocale. Il Giappone ha deciso di sospendere la caccia alle Balene nell'Antartico.

Una decisione presa, pare, anche a causa della pressante azione degli ambientalisti, ameno stando alle dichiarazioni dell'Agenzia della pesca giapponese: "Il peschereccio Nisshin Maru che è inseguito dalle imbarcazioni di Sea Shepherd ha sospeso l'attività dal 10 febbraio per ragioni di sicurezza. E stiamo valutando la possibilità di fermare prematuramente la missione".
Una missione che aveva come obittivo l'uccisione di un migliaio di balenottere per pseudo scopi "scientifici", peccato poi che la carne, immolta per la scienza, era destinata a finire sulle tavole giapponesi e scatenera come ogni anno una accuse contro il Paese del Sol Levante che si rifiuta di aderire alla moratoria del 1986 contro questa carneficina.

Contro il la caccia alle balene, adottata anche da Islanda e Norvegia, non solo le associazioni ambientaliste, ma anche l'opinione pubblica, giapponesi compresi, e molti Paesi del mondo, anche perché i tempi di Moby Dick sono finiti da un pezzo, le balene sono in via d'estinzione e le tecniche di caccia sono spietate e costringono questi magnifici mammiferi dei mari a delle sofferenze inaudite. 

Questa notizia la dedico a tutte le balene e a chi, come me, ama vedere i cetacei nuotare in mare e non fatti a fette e venduti nei banchi di un mercato... senza contare che la carne di balena ha un'aspetto orribile (l'ho vista al mercato del pesce di Bergen, in Norvegia) e non so proprio con che coraggio si possa mangiare!!!! 

Ci sono paesi che, dal punto di vista turistico, puntano molto su attività come il Whale Watching, anche perché ci sono più persone disposte vedere le balene nuotare nel loro habitat naturale rispetto a chi preferisce mangiarle... e meno male! 
Posta un commento

LinkWithin

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...