lunedì, ottobre 26, 2009

Valencia, finalmente l'acquario

Acquario di Valencia
Stanca ma felice.
Oggi è stato il giorno più bello.
Una visita all'Acquario di Valencia, il più grande d'Europa, vale da solo il viaggio.


Offre al visitatore uno straordinario viaggio tra i mari del mondo a stretto contatto con i suoi abitanti, dando la sensazione di camminare nel fondo degli oceani tra torpedini, squali, pesci dalle dimensioni più varie. Pesci, ma anche mammiferi come trichechi, beluga, foche e... delfini.

Si lo ammetto. Anche se non lo condivido, ho assistito allo spettacolo del definario. I defini sono animali affascinanti, ma che tristezza verderli ridotti a giocolieri, buffoni, ballerini, acrobati. Però ho provato un pizzica di invidia per gli addestratori che nuotano e vivono a stretto contatto con loro.
Acquario di Valencia Alcuni spazi esterni sono dedicati agli uccelli, in particolare una grande voliera bianca dove sono entrata guardinga, visto che ho paura degli uccelli, ma poi il fatto di poter avvicinare ibis rossi, garzette e altri esemplari magnifici ha lasciato il posto all'entusiasmo... entusiasmo spezzato quando un ibis rosso mi si e' avvicinato alle spalle e mi ha beccato un piede. Ho fatto un salto e un urlo... ed ho fatto ridere tutti!
Valencia Ciudad de Las Artes Y las Ciencias
L'acquario è solo uno degli edifici del moderno, anzi modernissimo, complesso della Ciudad de Las Artes Y las Ciencias. Io per non farmi mancare nulla li ho visitati tutti. La casa delle arti estermaente perche' e' accessibile solo quando ci sono gli spettacoli.
Ciudad de Las Artes Y las Ciencias
Il museo della scienza mi ha deluso profondamente, forse perchè avevo in mente quello di Parigi... ma anche perchè l'ho trovato poco interattivo, molte postazioni non funzionavano e delle attrazioni programmate all'ora che sono andata io non ne era attiva neppure una!

Affasciante invece lo spettacolo all'Emisfero. Ho assistito alla proiezione di un film dal titolo Wild Ocean.
Praticamente un documentario sulle sardine del Sud Africa, che detto cosi' sembra una palla, ma in formato Imax. Il che signiifica Spiaggia di Valenciaavere la sensazione di volare come un gabbiano o nuotare tra banchi di sardine, squali, delfini e balene. A questo proposito mi sono chiesta se almeno una delle balene che vedo sullo schermo era la stessa che avevo visto dal vivo durante il mio viaggio in Sud Africa di due anni fa.

Lasciato il complesso ho raggiunto il porto, era quasi il tramonto e faceva ancora caldo. Avrei voluto fare il bagno, avevo tutto: costume e asciugamano. Mi mancava solo qualcuno che guardasse le mie cose Porto America's Cupmentre ero in acqua, cosi' mi sono limitata a bagnarmi i piedi. L'acqua era caldissima!

Poi un giro per il porto dell'American's Cup tra i padiglioni che hanno ospitato i vari team... quindi in ritorno in ostello.
Dimenticavo un aggiornamento su ieri.
Parco del TuriaParco del TuriaRicordate? Avevo pranzato tardi e così visto che non avevo voglia di cenare ho fatto un giro serale al parco ed ho scattato qualche foto notturna.
Posta un commento

LinkWithin

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...