giovedì, novembre 27, 2008

... e io volevo andare in Thailandia!

Ancora una volta i turisti che hanno scelto come meta turistica la Thailandia devono fare i conti con le proteste antigovernative.
Lo scorso agosto circa
15mila passeggeri sono rimati a terra per la chiusura degli aeroporti ed ora la storia si ripete. La situazione però questa volta è più grave... ad essere bloccati sono i due aeroporti di Bangkok. Una situazione che non sembra destinata a risoversi in breve tempo, almeno a giudizio dell'ambasciatore italiano, secondo il quale "è impossibile prevedere quanto durerà questa situazione", nonostastante la mobilitazione dell'esercito. Gli italiani che dovevano far rientro in patri tra ieri e oggi sono circa 300, ma con la chiusura degli aeroporti la loro partenza sembra slittare di diversi giorni. C'è chi parla addirittura del 7 dicembre. Per loro nessun pericolo, solo il disagio di una permanenza forzata in Thailandia.

Viste le tensioni in atto, quest'anno chi ha scelto di trascorrere le vacanze invernali in Thailandia sarà un pochino preoccupato... I voli sono soppressi, ma la Thai assicura, a chi ne facesse richiesta, un rimborso totale del biglietto in caso di rinuncia del viaggio, oppure l'opportunità di cambare la data della partenza senza pagare penali.
La compagnia thailandese nel frattempo sta provvedendo a ricollocare su voli di altre compagnie i passeggeri in partenza da Roma e diretti in Paesi asiatici che prevedevano un transito a Bangkok.



E pensare che in un primo tempo a Natale, volevo andare in Thailandia perché avevo voglia di una meta tranquilla!
Posta un commento

LinkWithin

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...