venerdì, agosto 29, 2008

Viaggio in Scandinavia: Stoccolma by night

Partiti da tre aeroporti diversi, Roma, Milano e Verona, ci siamo ritrovati tutti a Francoforte e da qui siamo ripartiti insieme alla volta della Svezia.

Il nostro primo approccio con Stoccolma è stato notturno. Inevitabile, visto che il nostro aereo è atterrato praticamente a mezzanotte all'aeroporto di Arlanda.

Anche se la cena aveva lasciato un po' a desiderare, un panino con il formaggio (o a scelta con il prosciutto) e una barretta in entrambi i voli, possiamo dire che tutto era andato per il meglio. Atterraggio morbido, aereo puntuale, bagagli arrivati tutti... che volere di più?

Che ci fosse il bigliettaio e non una stupida macchinetta che, ovviamente, non ne vuole sapere dei nostri euro!

Per fortuna Gianluca, aveva fatto scorta di corone. E' stato lui ad anticpare i soldi per comprare i biglietti del treno Arlanda - Stoccolma.
Di soldi però ne ha anticipati meno del previsto. Ad agosto c'è la promozione weekend che consente di pagare in due poco più del biglietto singolo. Ed ecco la maledetta emettitrice di.... un biglietto alla volta! Quindi insierisci i soldi, ritira il resto, aspetta il biglietto... e ricomincia. Il tutto per otto volte... ma solo perché un biglietto vale per due passeggeri, altrimenti avremmo dovuto raddoppiare la trafila.

Dicevo Stoccolma by night... già perché quando siamo arrivati alla stazione abbiamo faticato non poco a trovare il nostro albergo... le indicazioni non erano molto dettagliate e anche il navigatore ci ha portato fuori strada. Questo però ci ha fatto incontrare la "popolazione" notturna di Stoccolma.

Alla fine quando esausti siamo arrivati all'Hotell Norrtull erano le tre passate! Il tipo della reception ci aspettava, aveva lista la completa e la mia carta di credito come garanzia... ma non ci ha voluto dare le chiavi delle stanze se prima non saldavo le tre notti prenotate!
Posta un commento

LinkWithin

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...