mercoledì, luglio 30, 2008

Viaggio in Siria: 02/01/2008 Maalula


Ultima tappa prima di arrivare a Damasco è stata Maalula, famosa soprattutto per le sue case color celeste e giallo e per la permanenza della lingua aramaica, la stessa che parlava Gesù. 

Caratteristica quest'ultima che si trova solo a Maalula e in due villaggi limitrofi.


Maalula è situata a 1430 metrsi sul livello del mare, il suo nome infatti significa “elevata”. Che siamo "elevati" si sente anche dalla temperatura dell'aria, faceva freddissimo e ci hanno detto che si aspettavano la neve da un momento all'altro.

Certo vedere questo paesaggio sotto una nevicata poteva anche essere affascianante, ma tutti noi ne potevamo fare volentieri a meno.

Per prima cosa abbiamo visitato il monastero di San Giorgio dove un sacerdote libanese prima ha pregato per noi in aramaico, poi in perfetto italiano ci ha spiega la storia del monastero e illustrato le caratteristiche.


Dal monastero abbiamo raggiunto Santa Tecla percorrendo a piedi la stretta gola che, secondo la leggenda, Dio fece aprire davanti la santa in fuga. Qui trovò rifugio e visse in una grotta fino alla morte.
Posta un commento

LinkWithin

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...