venerdì, novembre 17, 2006

Viaggio in Nepal: Budhanilkantha


Il Nepal si sa, è una terra dove si coltiva il riso.

Nella valle di Kathmandu c'era un posto dove ispiegabilmente cresceva un riso particolarmente rigoglioso.

Qualcuno volle capire il segreto di questo campo, scavando venne alla luce una gigantesca statua di Vishnu.

Questa la leggenda legata al sito di Budhanilkantha, il sito più suggestivo del Nepal dedicato a Vishnu.

La stuata lunga 5 metri, giace in ul laghetto, poggia su un letto di serpenti e si ritiene sia stata realizata tra il VII e l'VIII secolo.

Vishnu tiene tra le sue mani i quattro simboli che lo caratterizzano: chakra, la mazza, la conchiglia e il fiore di loto.
Il fiore di loto secondo la religione induista sarebbe nato dall'ombellico di Vishnu, ed è da questo fiore che nacque Brahma il quale poi creò il mondo.

Ma torniamo a Budhanilkantha. Qui la mattina presto si danno appuntamento i fedeli, soprattutto le donne che vengono a pregare e a rendere omaggio al dio con delle offerte.

E' un luogo sacro.

Nel recinto sacro possono entrare solo gli induisti, a noi solola possibilità di sbirciare tra la staccionata ed immergerci in un questo clima di forte spiritualità.

Una curiosità: Molte delle donne indossano un sari rosso, colore che contraddistingue le donne sposate.

Il sari verde ricorda i colori della festa che si celebra in questi giorni e il giallo è il colore delle vedove.

Posta un commento

LinkWithin

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...