domenica, ottobre 15, 2006

Il Buddismo in Italia


Approfitto della visita a Roma del Dalai Lama per parlare di buddismo.

Il mio primo contatto con questa spiritualità è stato nel 1988,l'anno del mio viaggio in India. In quell'occasione ho trascorso alcuni giorni a Daramsala, dove vive in esilio il Dalai Lama e una parte dei tibetani fuggiti dal loro paese dopo l'occupazione cinese.
L'ultimo risale al mese di agosto di quest'anno in Nepal. Qui ho potuto vivere momenti di estremo relax assistendo alle cerimonie religiose buddiste. Fermarsi ad ascoltare l’armonia di musiche e voci che accompagnano le cerimonie è un vero toccasana per il corpo e per la mente. Te al burro di yak a parte!

Un’esperienza unica che può essere apprezzata anche in Italia.
A Roma, dove alcuni mesi fa è stato inaugurato il tempio buddista dell’Esquilino
O nel parmense, a due passi dal Salsomaggiore Terme, dove si trova il tempio buddista Fudenji, che non solo ospita praticanti da ogni parte del mondo, ma accoglie con gioia i visitatori attirati dalla vita ascetica. A Fudenji si può imparare la meditazione, recitare i sutra, apprendere l’arte del massaggio zen, della cucitura dell’abito e della calligrafia giapponese. a conclusione di una giornata dedicata alla cura del corpo.

Questi sono solo due esempio di come questa religione orientale abbia fatto presa in occidente.
Per conoscere altri centri buddisti in Italia basta collegarsi con il sito dell’Unione Buddhista Italiana e troverete tutti i centri a loro associati
Posta un commento

LinkWithin

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...