martedì, settembre 19, 2006

Golpe a Bangkok


La tv thailandese ha annunciato che oggi esercito e polizia avrebbero assunto il controllo di Bangkok. L'annuncio ha specificato che le forze fedeli al re sono intervenute "per preservare la legge e l'ordine".

La notizia ha iniziato a circolare circa un'ora fa, mentre nelle strade circolavano i carri armati, il canale televisivo delle forze armate tramestteva immagini della famiglia reale e inni legati ai passati colpi di stato.

Una cinquantina di soldati, fedeli al generale Sonthi Boonyaratglin, hanno intimato ai poliziotti di deporre le armi e hanno occupato la sede del governo.

Il golpe rappresenta con un aperto atto di ribellione contro il primo ministro Thaksin Shinawatra(foto), che ha saputo della notizia negli USA, mentre si trova a New York per partecipare all'Assemblea generale dell'Onu. Il premier ha deciso di anticpare a giovedì il suo rientro in patria, intanto ha ordinato l'imposizione dello stato di emergenza a Bangkok ed ha disposto la destituzione del comandante dell'esercito e dato ordine che i soldati non lascino le caserme, dopo che oltre dieci carri armati hanno bloccato il traffico attorno alla sede del governo.

E proprio oggi il sito www.viaggiaresicuri.mae.aci.it aveva pubblicato il seguente avviso:

Dal 17 luglio 2005 è in vigore nell'estremo sud del Paese lo stato di emergenza decretato dal Governo tailandese a seguito dell'intensificarsi di attentati da parte di gruppi separatisti musulmani. Le zone interessate dallo stato di emergenza sono le tre Province meridionali di Yala, Pattani e Narathiwat, nonche' i distretti di Jana, Nathawee, Thepha e Sabayoi nella Provincia di Songkhla. Si rinnova pertanto la raccomandazione di evitare viaggi nelle predette zone del Paese. Cinque esplosioni il 16 settembre scorso a Hat Yai (nella provincia di Songkhla), importante meta turistica, hanno causato vittime tra i turisti europei. Non si esclude il rischio di altri atti terroristici nel Paese. Le strutture turistiche nelle località di Phuket e di Phi Phi Island sono completamente funzionanti dopo i danni subiti dalla catastrofe naturale del 26 dicembre 2004 mentre a Khao Lak, sebbene la situazione sia tornata sostanzialmente alla normalità, la ricettività alberghiera non e' stata ancora pienamente ripristinata. Le altre località turistiche thailandesi sono accessibili e visitabili in condizioni del tutto normali.
Posta un commento

LinkWithin

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...